martedì 17 dicembre 2013

The Tomorrow People

Sono i ragazzi del domani.
Vivono come fossero normali accanto a noi. Magari è il compagno di università al quale hai chiesto in prestito la matita. O la ragazza con gli occhiali seduta di fronte in metrò. Il ciclista che hai evitato per un pelo stamattina. Quella che porta sempre fuori il cane alle 7…

Sembrano normali, si mischiano tra la folla. Eppure hanno qualcosa di speciale. Di molto speciale…



Dalle autorevoli firme di Greg Berlanti (“Arrow”) e Julie Plec (“The Vampire Diaries”) arriva su Italia 1 in anteprima assoluta The Tomorrow People”,
ogni venerdì subito dopo “Arrow”, alle ore 22.10. La super-accoppiata trova altresì ragione nel fatto che “TTP” veda tra i protagonisti Robbie Amell,
cugino di Spethen Amell di “Arrow”.

I Tomorrow People sono degli esseri umani che, a seguito di un'evoluzione genetica, sviluppano poteri straordinari (le cosiddette "Tre T": telepatia, teletrasporto e telecinesi).
La serie segue le vicende di Stephen Jameson (Robbie Amell), un emergente neo-membro dei Tomorrow People. Suo padre, capo dello stesso gruppo,
scomparve anni prima per dedicarsi alla ricerca di un posto sicuro dove vivere insieme alla sua specie per sfuggire alla persecuzione degli Ultra, un'organizzazione che mira alla loro distruzione per mezzo dei loro simili, al fine di salvaguardare la razza umana.
Stephen ha cominciato da poco a “sentire” alcune voci e a risvegliarsi in posti strani. Un giorno decide di “ascoltare” una di queste voci e
finisce per incontrare altri come lui: il ribelle John Young (Luke Mitchell), capace di teletrasportarsi; l’affascinante Cara Coburn (Peyton List), dotata di telepatia; Russell Kwon (Aaron Yoo), il quale usa la telecinesi per i propri interessi.
Nel frattempo il leader degli Ultra, il dottor Jedikiah Price (Mark Pellegrino) offre a Stephen la possibilità di condurre una vita normale se lo aiuterà a eliminare i suoi simili…Sul piatto della bilancia finisce pure Astrid Fich (Madeleine Mantock), amica d’infanzia di Stephen segretamente
innamorata di lui, la quale viene a conoscenza del segreto genetico del protagonista.

La serie ideata da Phil Klemmer, lanciata con il claim “Different is dangerous”,  è liberamente tratta da un telefilm omonimo inglese del
1973 (inedito in Italia). Berlanti e Plec firmano da produttori esecutivi con Klemmer, nonchè con Thom Beers, Danny Cannon, Craig Cegielski,
Anthony Optican e Roger Damon Price (quest’ultimo ideatore della serie inglese). David E. Russo compone la colonna sonora. Le riprese sono avvenute tra New York e Vancouver. Brian Lowry di “Variety” ha definito il serial “50% ‘Matrix’, 50% ‘X-Men’”.

Il clou della serie, aldilà del filosofico dilemma esistenzial-adolescenziale introdotto da "Smallville" (2001) "è meglio essere un super-eroe o essere normale, come tutti gli altri?", è rappresentato da Robbie Amell, cugino del più noto Stephen che mette la Freccia Verde in "Arrow" (in onda con la seconda stagione inedita la stessa sera del venerdì, ma alle ore 21.10). Si dice che in America Robbie, classe '88, rischi di surclassare, in quanto a cuori infranti, le fans del neo papà Stephen. Su Twitter non c'è ancora gara, dove il più maturo interprete di "Arrow" regna sovrano con oltre 256.00 followers contro i quasi 80.000 del cugino (@robbieamell l'account di quest'ultimo). La sfida generazionale a colpi di sex-appeal è aperta, ma c'è da giurarci: l'Amell rivelazione del 2014 sarà Robbie.

UFFICIO STAMPA RETI MEDIASET
www.quimediaset.it

1 commento:

Antonella Albano ha detto...

Ciao sono Antonella Albano e come admin del blog Shadowcatlovestvseries ho candidato il tuo blog ai Liebster award! http://shadowcatlovesseries.blogspot.it/2013/12/shadowcat-loves-tv-series-nominato-ai.html

Serie Tv - Lolly Tv

Questo e' un sito amatoriale nato esclusivamente per parlare della serie tv e non intende ledere in alcun modo i diritti d'autore, per questo motivo ogni fonte e' stata opportunamente citata. Qualora eventuali proprietari dei diritti di articoli e/o immagini non gradiscano la presenza sul sito di materiale da loro prodotto e' sufficiente darne comunicazione affinché vengano immediatamente rimossi.